4 Ottobre Ott 2021 1009 18 days ago

Domicilio digitale

Quali sono i vantaggi?

Domicilio Digitale

Il domicilio digitale che è obbligatorio dal 1° ottobre 2020 è uno spazio virtuale sicuro e certificato, su cui sia i privati cittadini che le imprese o i professionisti possono ricevere le comunicazioni in formato digitale.

In particolare, il domicilio digitale si distingue in:

  • Posta Elettronica Certificata
  • Servizio di recapito certificato qualificato o SERCQ o SERC

Di fatto, il Codice amministrativo digitale, presenta il domicilio digitale come una categoria più ampia di quella della PEC.

Infatti, secondo il D.Lgs. n. 82/2005, il domicilio digitale è “un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata o un servizio elettronico di recapito certificato qualificato".

Più generalmente, quindi, il domicilio digitale è un luogo digitale, un recapito online, che consente di facilitare la comunicazione, in particolare con la Pubblica Amministrazione.

Perché è vantaggioso il domicilio digitale?

Perché questo strumento digitale risulta essere vantaggioso per i cittadini, le imprese e i liberi professionisti?

Perché consente di sostituire il domicilio fisico per il recapito di comunicazioni con valenza legale.

Da qui ne derivano diversi vantaggi:

  • la velocità di invio
  • la possibilità di ricevere la comunicazione ovunque
  • il costo zero per l'invio/ricezione
  • la valenza legale che assume la comunicazione
  • la garanzia dell'invio al destinatario corretto

Come si attiva il domicilio digitale?

Se per i privati cittadini non vige l'obbligo di munirsi di domicilio digitale, diversamente per imprese e professionisti questa misura è dovuta.

Per questo motivo per le imprese è necessario eseguire diversi passaggi quali:

  • controllare la corretta iscrizione del domicilio digitale (PEC) al Registro delle imprese. Per far questo è possibile consultare il proprio “cassetto digitale”, una visura aggiornata o cercando la PEC dell’impresa sul sito www.registroimprese.it;
  • in mancanza di un domicilio digitale attivo, richiederlo a un gestore abilitato e comunicarlo al Registro delle imprese.

I professionisti iscritti ad ordini professionali potranno invece:

  • monitorare l'iscrizione del domicilio digitale con la presenza della PEC nell’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta certificata (INI- PEC) gestito dal Ministero dello Sviluppo economico;
  • nel caso di mancata iscrizione, aggiornarlo e comunicarlo all’ordine di appartenenza.

Comunica la PEC di Flowee

La PEC&MAIL di Flowee è il prodotto con valore legale che consente la gestione semplice e corretta delle comunicazioni presso il proprio domicilio digitale.

Questa casella PEC mette a disposizione diverse funzionalità per un efficace gestione della corrispondenza in ingresso e in uscita, supportando l’intero ciclo di lavorazione, garantendo alle organizzazioni copertura normativa, rispetto della compliance e supporto alle attività di audit interne ed esterne.

Vuoi saperne di più? Scrivi a marketing@docflow.it e richiedi una demo dimostrativa.