20 Settembre Set 2021 1000 one month ago

Fattura elettronica scartata

Ecco cosa fare

Fattura Elettronica Scartata 3

Quando si procede con l'invio di una fattura elettronica può capitare di ricevere una notifica di scarto. Cosa significa? E cosa fare in questi casi? Cerchiamo di spiegarlo brevemente in questo ultimo articolo. Il processo di invio delle fatture elettroniche prevede diversi passaggi con una serie di controlli formali sul documento, attraverso il Sistema di Interscambio.

In alcuni casi, però, può capitare che le verifiche non diano esito positivo e che la fattura elettronica venga scartata dal Sistema. I motivi possono essere diversi e sono identificati con specifici codici errori, quali:

  • Nome del file non valido;
  • Nome del file già inviato in precedenza;
  • Dimensioni del file superiori al limite massimo di 5MB;
  • File non integro, firma non valida;
  • File non conforme al formato XML;
  • Aliquota IVA pari a 0 senza specifica di esenzione;
  • Aliquota IVA diversa da 0 nonostante specifica di esenzione;
  • File con data successiva a quella dell’invio;
  • Aliquota IVA e dati non coerenti;
  • Assenza nel file di Partita IVA e codice fiscale del mittente;
  • Data antecedente rispetto al file collegato già inviato;
  • Imposta calcolata senza il simbolo del punto per i decimali;
  • Assenza del punto per i decimali su valore dell’importo, quantità e percentuale imposta;
  • Campo fattura senza caratteri numerici.

Una volta riconosciuto l'errore è importate rimediare velocemente, al massimo entro 5 giorni dalla ricevuta di scarto, proprio per evitare sanzioni. Infatti, nel caso in cui si tardi troppo, dal 1° luglio 2019 è previsto il versamento di una somma compresa tra il 90% e il 180% dell’IVA relativa all’imponibile.

Come correggere l'errore?

A questo punto è importante capire come agire nel migliore dei modi per correggere l'errore. Le soluzioni possono essere di tre tipi:

  • Nel primo caso si prevede una riemissione della fattura elettronica, entro i 5 giorni dalla ricezione della ricevuta di scarto, con numero la data e il numero del documento uguali alla prima inviata.
  • Nel secondo caso si prevede una riemissione di una nuova fattura elettronica con data e numero del documento coerenti con gli altri documenti trasmessi prima dell'invio della fattura elettronica errata.
  • Nel terzo e ultimo caso la nuova fattura elettronica emessa dopo la ricevuta di scarto avrà una numerazione parallela e dedicata ai casi di rettifica.

Con il nostro sistema di fatturazione potrai avere la certezza di un supporto immediato e specifico anche nei casi di notifiche di scarto.

Richiedici un preventivo gratuito!